Text Size
Sabato, Dicembre 16, 2017

spaventapasseriSi terrà dal 13 al 20 luglio a Salsomaggiore Terme, località Millepioppi, il 4° Campo di Volontariato di Libera su un bene confiscato, organizzato con il Parco Regionale dello Stirone e del Piacenziano. Il bene confiscato, situato vicino Salsomaggiore in località Millepioppi, consiste in un appezzamento di terreno di circa 10 ettari e due edifici, un fabbricatello attualmente utilizzato come astanteria per animali selvatici che poi verranno restituiti alla libertà e una casa rurale che, una volta ristrutturata, diventerà sede del Parco e del Cras (Centro Recupero Animali Selvatici).
Anche quest'anno la realizzazione del Campo vede il supporto di Anpi di Salsomaggiore Terme, Spi Cgil , ass.ne Viva Salso Viva, Comune di Salsomaggiore Terme , Comune di Langhirano, Comune di Berceto, il Corpo Forestale dello Stato, e dei tanti compagni di viaggio come Il Museo Casa Cervi, l' Ass.ne ZonaFranca Parma, Coop Giolli, Banca Etica, la Casa Museo del pittore Modica, l'Ass.ne "Il Delfino" e coop. Emc2.
Il Campo è aperto a 14 ragazze e ragazzi provenienti da tutt'Italia che lavoreranno sia sul terreno agricolo sia nella risistemazione e manutenzione dell'area didattica delle voliere del Parco. Avrà inizio il 13 luglio e terminerà il 20 luglio. Come per tutti i campi di Libera la giornata è equamente suddivisa in tre momenti di attività diversificate: il lavoro agricolo o attività di risistemazione del bene alla mattina, lo studio del fenomeno mafioso tramite il confronto con i familiari delle vittime di mafia e altre attività formative con le istituzioni e con gli operatori delle cooperative sociali e, alla sera l'incontro con il territorio e con le realtà locali.
Particolare attenzione viene riservata alle attività di Formazione, nelle quali le ragazze e i ragazzi volontari incontreranno testimoni di giustizia, familiari di vittime di mafia, giornalisti particolarmente impegnati nel fronte dell'antimafia tra cui Don Giacomo Panizza , Parroco di Lametia Terme, fondatore della Comunità Progetto Sud, in prima linea da 36 anni contro la 'ndrangheta, Francesca Bommarito, sorella di Giuseppe Bommarito morto nel 1983 a difesa del Capitano D'Aleo in un agguato mafioso, Il Generale Sergio Costa, impegnato da svariati anni nella lotta alle eco-mafie in Campania, il dott. Enrico Cieri, della Direzione Distrettuale Antimafia di Bologna e Maurizio Torrealta, noto giornalista capo servizio di Rai 3 esperto di mafia con particolare riguardo a alla trattativa Stato-mafia.
Ringraziamo inoltre per il prezioso sostegno, che rende possibile l'intera iniziativa: Coop Consumatori Nord-Est, coop. Camst, gruppo cooperativo Gesin Proges, coop. Multiservice e Baretz srl

Coordinamento Libera Parma

Scarica il comunicato in PDF

 

Comunicati

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
 48 visitatori online